venerdì 26 aprile 2013

I bidoni della spazzatura sono sotto il 6°ponte,La buona volontà spesso non manca

Riceviamo e pubblichiamo

Anonimo ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "da controllati a
controllori":

Secondo me il problema e' proprio li. Il Sindaco aveva promesso che saremo stati pronti a pasqua , e disgrazia vuole lo siamo stati, con elogi di ogni singola persona che venga a Monterosso.

Non potendo sfigurare ci siamo messi ad inventare,
se facciamo dubitare non lo vanno più a votare.
Se facciamo un figurone,
possiamo candidare anche il testone.
A palazzo vogliam salire,
ma ad alta voce non si può dire.
La favola poi dell'alluvione ,
e' stata un grande successone.
Se il palazzo conquisteremo,
Il traffico riapriremo.
Poi sapete come siamo oculati,
Vi abbiamo già amministrati.
Con Eugenio e compagnia,
si moriva sotto la ferrovia.

Il Sindaco tiranno faremo cadere,
e su quella poltrona andremo a sedere.
Siam sicuri di noi stessi,
Che faremo tutti fessi.
Ma ci siam dimenticati,
che non son tutti smemorati.
Le nostre facce conosciute ,
non le hanno piu' volute.
Se continuiamo a cospirare,
magari poi ci fan votare.
E come e' stato in precedenza ,
torneremo in DECADENZA............


Postato da Anonimo in Monterosso al Mare "Libera informazione" alle 15

maggio 2012 23:16

e OGGI ?




La buona volontà spesso non manca. Tuttavia sono ancora molti gli italiani che, al momento del conferimento di carta e cartone nella raccolta differenziata, commettono errori. Ecco le regole che possono aiutare a separare correttamente i rifiuti domestici: 
1) se avete dubbi sul conferimento dei rifiuti domestici e non sapete dove buttare manufatti o imballaggi particolari, rivolgetevi al gestore della raccolta attraverso gli appositi numeri verdi
2) la carta contaminata dagli alimenti non deve essere conferita nella raccolta differenziata
3) la carta resistente ai grassi, come quella per gli affettati, non è riciclabile e va nell'indifferenziato. Se è formata da parti diverse, i materiali possono essere riposti separatamente nella raccolta differenziata
4) i poliaccoppiati con prevalenza di carta, come i cartoni per le bevande (prima svuotati e sciacquati), vanno in genere nella raccolta differenziata carta, ma per esserne certi occorre seguire le indicazioni del gestore della raccolta differenziata
5) i poliaccoppiati con prevalenza non di carta, come per il film flessibile dei biscotti, vanno nella raccolta differenziata del materiale prevalente, che sia plastica o metallo, e comunque dove indicato dal gestore della raccolta differenziata 
6) i fazzoletti di carta usati non devono essere gettati nella differenziata
7) la carta chimica (come quella di molti scontrini) non va nella raccolta differenziata
8) nei casi in cui la carta può essere separata dagli altri materiali, come per il giornale ancora incellophanato, deve essere staccata, togliendo punti metallici, nastri adesivi e altri materiali non cellulosici, per poi essere riposta nella raccolta differenziata della carta
9) non lasciate carta, cartone, cartoncino fuori dai contenitori adibiti alla raccolta

10) conferite il cartone piegato

Vi ricordare !  con Eugenio & compagnia si moriva sotto la ferrovia...

E oggi ?


14 commenti:

  1. Una volta si moriva sotto la ferrovia, ora si muore un po' d'appertutto.

    Si muore in piazza, falsa come poche, senza un'anima ricorda solo una gusto kich da balera.

    Muore il turismo in un paese mordi e fuggi buono solo a spennare i gonzi che arrivano mentre i paesi vicini si attrezzano per raccogliere quelli che da noi scappano.

    Muore la gente chiusa con la paura di parlare temendo le ire dei potenti.

    Muore un pese che non da nessun supporto alla sua popolazione giovane e anziana.

    Si puo' anche morire perche' non c'e una adeguata assistenza medica in un paese che vorrebbe avere vocazione turistica ma e' privo di un medico realmente disponibile in paese.

    Penso che molti di noi monterossini abbiano sperimentato sulla propia pelle cosa vuol dire pietire una visita domiciliare magari per un aziano con difficolta' di movimento.

    In un paese anoi molto vicino si e' organizzata una guardia medica permamente con un giro di specialist per le necessita' dei residenti e dei turisti.

    Il comune, la popolazione ha trovato la modalita' di sostenere economicamente una struttura che funziona, a Monterosso invece abbiamo buttato un milione di euro per snaturare la piazza, abbiamo incentivato le piscine per i buzzurri, ed ora con la scusa del parco illuminiamo la strada del potente queste sono le "esigenze " che vengono soddisfatte.

    Spero che altri inviino riflessioni in proposito

    RispondiElimina
  2. Vengo a monterosso da tempo e mi dicono che ai tempi di Eugenio e compagnia nessun amministratore o funzionario comunale fu INDAGATO .
    Adesso anche oppure si ?

    RispondiElimina
  3. Bravo!!!! chi ha scritto la poesia, con sottile ironia, merita il nostro plauso perche' ci ha consigliato come agire per non riprecipitare in un clima di DECADENZA!!!
    D'altro canto basta guardarci intorno e ammirare le " opere " che questa amministrazione ha reso disponibili e fruibili per i nostri concittadini Queste "opere" sono un sicuro antitodo contro questa malaugurata DECADENZA'!!!
    Di certo i nostri attuali amministratori resteranno a lungo nella memoria storica della nostra comunita' come gli " uomini del FARE " Ci lasciano.... il Parking di Loreto,... La piscina,.... la galleria con le onde e i faretti sepolti nell'asfalto, ...la piazza con il nero dei mausolei il bianco stanco dei sassolini e la meravigliosa fontana,...i cassonetti sotto il ponte nr.6....e tante altre amenita' che li rendono assolutamente INIMITABILI!!! ( speriamo!!!!!!!!!!)

    RispondiElimina
  4. Ieri non si poteva circolare nel paese a causa di moltissime persone che giravano per le strade del centro storico. Fortuna vuole che è stata decisa l'istituzione dell' APU. Almeno i vari turisti possono girare per il paese senza essere disturbati dalle macchine che passano, fermarsi davanti alle Enoteche per poi entrare a comprare vini di tutto il mondo o mangiare pane e salame. Le molte guide turistiche con gli ombrelli in alto per essere riconosciute, descrivono i vari monumenti del paese e raccontano delle storie che noi monterossini non conoscevamo. I vari negozi di artigianato locale vendono i loro prodotti. Poi scende la sera, la placida sera con le placide stelle e tutti ci ritiriamo nelle nostre abitazioni e i turisti, quelli che avevano riempito il paese se ne vanno, dove non si sa. E noi rimaniamo soli a girovagare fra i vari bar del paese contemplando i ristoranti quasi vuoti in giro per il borgo. Credo che tutti ricordiamo le varie Pasque e i vari ponti del 25 Aprile e 1°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto questo per dire???

      Elimina
  5. Le poesie che si ripetono .
    Vena poetica in esaurimento .
    Perche' il blog non ripubblica le foto spazzatura del 23 maggio 2012 di via molinelli e via IV novembre che riproducono la situaz. anno nobilis agosto 2005 boss imperavit ?

    RispondiElimina
  6. Sig. blog ci faccia vedere le foto pubblicate il 23 mag. 2012 .grazie

    RispondiElimina
  7. Avete poca memoria, forse per opportunismo, provo a farvela tornare : state parlando di Eugenio il vice sindaco dell'allora amministrazione cavallo che fecero le case verdi, opera degna delle favelas??? Oppure il capo dell'opposizione che ha solo saputo criticare a prescindere senza mai fare una proposta concreta e che per giunta non e' riuscito a presentare una lista alle prevedenti amministrative?? Beh se e' lui le risate sotto la canonica ce le faremo noi , ahaahahahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro AMICO. per tua conoscemenza le case Verdi sono state, per cosi dire, allestite da altri!!! Basta informarsi e puoi cosi' evitare di scrivere le solite Cazz..te che, tanto, ti contraddistinguono.

      Elimina
  8. il TROTA nostrano è fissato con le case verdi !! TROTA perchè non provi ad esprimere il tuo pensiero in Inglese (tua seconda lingua madre) visto che lo hai cosi bene imparato alla scuolla Simon Houell, datti alle vigne che rendono di ppiù

    RispondiElimina
  9. Certo che e' desolante vedere come a fronte del primo commento, si sia continuato con post che non affrontano le problematiche a cui quel post faceva riferimento.

    Se continuamo a menarla con figure del passato non arriveremo a nulla, non ci resta che tirare fuori Borrelli e poi abbiamo concluso la rivisatazione dell egiunte del dopoguerra.

    Le figure citate sono PASSATE il futuro non puo' essere li, serve qualcosa di nuovo.

    Gli elementi di discussione citati, salute, opprtunita' per la popolzione giovane e non , sono il PRESENTE e il FUTURO vogliamo discutere di questo?

    Il deserto che abbiamo in paese ,il vuoto che respiriamo sono questi i problemi, non chi ha fatto e chi ha specualto sulle case verdi, ormai su queste case si necessitano i primi lavori di manutenzione, vogliamo parlare del parcheggio di Loreto?

    Vogliamo riflettere che sia le case verdi che il parcheggio la piscina sono il frutto di cattiva amministrazione?

    Vogliamo iniziare a pensare che a breve andremo a Vernazza per l'ambulatorio di un specialista mentre gia' oggi i Ns ragazzi se ne vanno a Levanto per respiare un po' d'aria?

    Oppure preferiamo consolarci mettendoci abagno gli attributi nella nuova fontana?

    RispondiElimina
  10. voi che parlate di passato e di nuovo chi siete? .
    Al mattino le scarpe le indossate da soli o vi serve un aiuto ?

    RispondiElimina
  11. amico mio il futuro c'e' perche' c'e' il passato. Non si tratta di scarpe da indossare ma di sano realismo. Tutti siamo, ( passato,presente,futuro ) utili se ci coordiniamo e usiamo le nostre risorse di esperienza e potenzialita' per il cambiamento.

    RispondiElimina
  12. Le vs. potenzialita' per il cambiamento vorrei vederle all'opera .

    Durate il tempo di un respiro.
    Quando vi riunite guardatevi bene e provate a scegliere il vs. sindaco .
    Almeno sapesse di ........ francobolli.

    RispondiElimina